Logo LoescherTestata

Locandina


Altro elemento molto importante per promuovere il film è la locandina, che è un poster composto da un’immagine scelta, correlata dal titolo (ed eventuale pay off), dai nomi del regista e degli attori principali. La locandina è l’elemento grafico su cui si fonda tutta la campagna pubblicitaria ed è quindi essenziale che riesca a comunicare esattamente i contenuti del film, la storia, il genere e tutto ciò che può attrarre lo spettatore.

Locandine di films

Se pensiamo che molte locandine di film famosi sono tra i poster più venduti, ci rendiamo conto di quanto facciano parte del mondo iconografico del nostro tempo e non esauriscano il loro valore comunicativo nella sola attività del lancio del film. Nel momento di decidere le linee guida della locandina, bisognerà aver ben presente il posizionamento che si vuole dare al film e il target che si vuole raggiungere. Se si tratta di un film d’autore per cinema d’essai, dedicato a un pubblico colto e raffinato, si realizzerà una locandina elegante e sobria. Se invece il film si rivolge a un pubblico mass market dovrà contenere immagini e testi più forti, vistosi e spettacolari. Inoltre, il genere del film e le sue atmosfere dovranno permeare l’immagine della locandina in modo da rendere facilmente riconoscibile, al primo sguardo, se si tratta di un horror, di una commedia, di un film romantico o d’azione.

Una prima scelta di fondo è tra una locandina di sola grafica o che utilizzi immagini del film. La scelta di una locandina grafica può essere motivata da una predilezione per il disegno, le forme e i colori, che possono darle un tono elegante e raffinato, tanto da avvicinarla alle affiche realizzate in passato da grandi artisti per pubblicizzare spettacoli, locali o prodotti. Pensiamo ad esempio alla locandina di A bout de souffle di Jean Luc Godard, di Tutto su mia madre di Pedro Almodòvar, o per restare nel cinema italiano Le fate ignoranti di Ferzan Ozpetek.

Quando invece si decide di affidarsi alle immagini, si possono scegliere foto di scena tratte dal film. In questo caso si deciderà di privilegiare il primo piano degli attori più importanti e conosciuti, se si pensa che la presenza degli attori possa essere un elemento decisivo per far scegliere il film al pubblico: Volver (Penelope Cruz), Die Hard (Bruce Willis), Basic instinct (Michael Douglas e Sharon Stone), oppure si deciderà di optare per immagini più corali che possano contribuire a connotare di più il film per il genere della storia raccontata, come in Pirati dei Caraibi, o Planet Terror.

Locandine di films Locandina di film

Questa scelta può essere motivata dalla presenza nel cast non solo di una o due star, ma da un numero di protagonisti importanti più numeroso. Oppure dalla presenza di un cast non particolarmente celebre, per cui si preferisce puntare sul genere del film con immagini di grande impatto visivo e altamente spettacolari.
Naturalmente anche la scelta del lettering del titolo, ovvero dello stile tipografico da utilizzare per la stampa, deve essere coerente con l’impostazione grafica della locandina. Non solo, ma il titolo deve risultare ben visibile e di facile lettura anche da lontano. A volte, può accadere che il titolo sia così importante da costituire esso stesso il punto forte di tutta la comunicazione grafica della locandina. In questo caso grafica e immagini vengono relegate in secondo piano o sullo sfondo e il titolo diventa il vero protagonista della comunicazione. Così accede, per esempio nella locandina di Atame! di Pedro Almodovar.

La locandina contiene, inoltre, tutti gli altri elementi grafici o di testo che possono servire a dare valore al film agli occhi degli spettatori. Innanzi tutto i nomi degli attori, stampati tanto più in grande quanto più sono famosi e amati, e il nome del regista. Soprattutto per i film d’autore, il nome del regista è per il pubblico una garanzia di qualità, un cifra distintiva di uno stile, di un modo riconoscibile e apprezzato di raccontare storie per immagini. Se il film ha partecipato a qualche prestigioso Festival (Cannes, Venezia, Berlino, Sundance o altri), sulla locandina viene riportato il logo della manifestazione come segno di qualità e valore artistico dell’opera. Infine possono essere riportate alcune frasi tratte da recensioni di riviste prestigiose, sempre per sottolineare con giudizi di critici la bellezza del film.
Un aspetto interessante della diversità del gusto estetico e dei registri comunicativi tra i vari paesi si nota nell’abitudine di modificare la locandina per adattarla ai canoni locali. Spesso i film escono in paesi, o macroaree geografiche, con locandine una diversa dall’altra, alla ricerca della forma grafica che meglio si sposi con le abitudini estetiche socialmente condivise in quel territorio: la scelta ha sempre l’intento di rendere la comunicazione più efficace, incisiva e adatta a presentare il film nel miglior modo possibile al pubblico di riferimento.